• en
  • it
News

Ahimsa: la non violenza

Written by Elena Cassinelli il 16 ottobre 2018

Vi siete mai chiesti perchè molti insegnanti di Yoga coducono una dieta vegetariana? Il motivo risiede nel concetto di Ahimsa.

Ahimsa: il significato generale

Ahimsa è il primo degli yamas, ovvero precetti etici/linee di condotta dello Yoga. Significa non fare del male (dall’inglese Non-harmfulness), anche se spesso viene tradotto con il termine più generico di “non violenza“.
Il termine Ahimsa racchiude molto più della non violenza, è, infatti, un precetto che ci insegna a vivere in armonia con tutti gli esseri viventi, compresi noi stessi.
Noi tutti riteniamo di vivere una vita apparentemente non violenta, ma è davvero così?

Ahimsa & Violenza Fisica

Ahimsa nel suo significato più ampio è la pratica della non violenza nella sua forma fisica.

Non dobbiamo essere fisicamente violenti con altri esseri umani, ma nemmeno con gli altri esseri viventi in generale o con la natura. Animali, piante ed esseri umani sono tutti sullo stesso piano. Sebbene l’uomo si sia ritenuto, e tutt’ora si ritenga, LA forma più intelligente di vita, quest’affermazione non ha fondamento scientifico. L’homo sapiens si è affermato sulle altre specie animali non per una superiorità genetica, ma grazie alla sua capacità di immaginare cose che non sono reali e conferirle potere, ad esempio: nazioni, governi, denaro, ecc.

Nel rispetto di questo principio non dobbiamo neanche supportare forme di violenza fisica nei confronti di altri esseri viventi: il consumo di carne, pesce o prodotti di origine animale che derivano dalla sofferenza e sfruttamento degli animali stessi, l’ acquisto di prodotti cosmetici testati sugli animali, l’acquisto prodotti da nazioni che supportano o conducono guerre, il sostenere partiti guerrafondai, sono tutte forme di violenza. Inquinare e non rispettare la natura è una forma indiretta di violenza, verso il nostro pianeta, il regno animale e le generazioni future (e noi stessi).

Ahimsa & Violenza Verbale

Essere violenti verbalmente non significa solo essere aggressivi o usare un linguaggio violento. I pettegolezzi, i giudizi, le condanne morali, mobbing sono tutte forme di violenza che dobbiamo assolutamente evitare di esercitarle sugli altri e su noi stessi (quante volte ci giudichiamo per qualcosa che abbiamo fatto/non fatto/detto/non detto? Quante volte ci condanniamo o ci paragoniamo agli altri?).

Impariamo ad accettarci e ad accettare gli altri per quello che siamo: esseri umani con limitazioni umane!

E’ importante imparare a “ripulire” la nostra vita sia da atteggiamenti violenti che noi stessi adottiamo, sia da persone tossiche che tengono ad essere violente con noi o con gli altri.

Ahimsa & Violenza Emotiva

Sentimenti come rabbia, gelosia, desiderio di vendetta, ricatti emotivi sono anch’esse forme di violenza che hanno ripercussioni su chi le prova e sugli altri. Impariamo a riconoscere queste emozioni e ad accettarle come creazioni della nostra mente, come un riflesso culturale e proviamo ad allontanarle, a ripeterci che non ne abbiamo più bisogno. Proteggiamoci da coloro che promuovono e seminano violenza emotiva; diventiamo veicoli di luce e bellezza, insegnando agli altri a non essere violenti sia nelle loro azioni, che nei nostri pensieri ed emozioni.

Costruire un mondo migliore si può e il cambiamento parte da noi!

Torna al Blog oppure torna alla Home.

Scopri di più sulle mie lezioni! Vuoi ricevere maggiori informazioni? Contattami!

Shares