News

La gratitudine, sentimento che cambia la vita

Scritto da Elena Cassinelli il 18 Giugno 2019

E’ mia abitudine concludere le lezioni di yoga con un espressione di gratitudine che comprende 3 dimensioni: la nostra pratica di yoga, la nostra vita e la nostra giornata.

Quando pronunciamo queste parole a che cosa ci riferiamo esattamente?

La pratica di Yoga

Esprimere gratitudine per la pratica di yoga significa innanzitutto ricoscere la fortuna di avere un corpo (più o meno sano) che ci ha permesso di seguire la lezione di Yoga.  In secondo luogo ringraziamo tutti quei Maestri che hanno reso possibile, dedicando la loro vita allo Yoga e talvolta sacrificando la loro vita, lo sviluppo della disciplina e l’arrivo della disciplina stessa fino a noi.

La nostra vita

Spesso ci lamentiamo delle nostre condizioni che riteniamo miserabili e sfortunate. Ognuno di noi può aver vissuto eventi più o meno sfortunati nel corso della vita.  Sovente ci dimentichiamo che, nella nostra sfortuna, siamo molto fortunati.

Infatti dobbiamo considerare che siamo nati dalla parte “giusta” del mondo, dove possiamo avere accesso all’acqua potabile e non corriamo il rischio di morire di malnutrizione in giovane età. Viviamo in un Paese dove le cure basilari (più o meno di qualità) vengono garantite a tutti, indipendentemente dalla disponibilità economica. Siamo fortunati perchè in Europa non c’è un clima di guerra e di violenza, le nostre città sono abbastanza sicure.

Possiamo istruire i nostri figli e noi stessi facilmente e, per quanto la qualità della politica italiana lasci a desiderare, viviamo in una democrazia.

Si potrebbe andare avanti per ore a elencare i privilegi di cui godiamo ogni giorno e che, troppo spesso, dimentichiamo lamentandoci per cose insignificanti.

Quando esprimiamo gratutidine per la nostra vita diventiamo consapevoli e riconoscenti dei benefici e vantaggi di cui godiamo ogni giorno.

La nostra giornata

Qualunque sia la nostra condizione fisica, esprimiamo riconoscimento perchè anche quest’oggi ci siamo svegliati e abbiamo avuto l’opportunità di fare qualcosa che ci fa stare bene e che ci piace (lo Yoga). Quando esprimiamo gratitudine per la nostra giornata, celebriamo la vita che ci viene regalata ogni giorno!

Diamo per scontato di poterci alzare ogni mattina dal letto e iniziare un nuovo giorno, in realtà non è così scontato!

Essere grati per vivere meglio

La società in cui viviamo ci insegna che possiamo essere felici solo in determinate condizioni: quando saremo in pensione, quando guadagneremo di più, quando i nostri debiti saranno estinti. In reatà non è così, la società dei consumi ha condizionato il nostro modo di vivere creando l’illusione che la felicità si possa ottenere solo con il possesso di beni o con lo status sociale.

Quando impariamo ad integrare la gratitudine nella nostra vita quotidiana, riscopriamo che la Vera felicità, quella duratura e non effimera, è dentro di noi e deriva proprio dalla scoperta, giorno dopo giorno, della magia della vita.

Se accade qualcosa di brutto o sgradevole, anzichè disperarci e innescare sentimenti e pensieri negativi, possiamo spostare l’attenzione su ciò che di positivo c’è nella situazione che stiamo vivendo (ad esempio pensando che poteva andare peggio, ecc).

Esercizio

Come fare ad integrare la gratitudine nella nostra vita?

Come tutte le cose, prevede uno sforzo iniziale. Io consiglio sempre un piccolo esercizio che consiste nel tenere un piccolo diario, chiamato “libro della gratitudine“, in cui, ogni sera, si riportano gli eventi della nostra giornata/vita per i quali siamo grati.

E’ perfettamente normale se inizialmente ci contriamo su situazioni generali, ad esempio: sono grat@ per avere una casa, per aver pranzato e cenato, per aver dei vestiti da indossare, ecc. Non dobbiamo temere di essere banali, nè ripetitivi. Man mano che i giorni passano, ci accorgiamo di diventare sempre più precisi e sottili nell’esprimere la nostra gratitudine. Con il passare delle settimane e dei mesi, possiamo notare un cambiamento nel nostro modo di vedere il mondo e di rispondere agli eventi della vita! Diventiamo più positivi e felici, grazie alla riscoperta della semplicità della vita.

 

Namastè.

Leggi di più sul mio percorso nello Yoga.

(image via https://www.earlytorise.com)